Descrizione immagine

"Quando la mente è vuota vede.....ed è felice di vedere"  J.Krishnamurti



Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine
Descrizione immagine

Yoga


Ogni scuola  yoga , racchiude in se un messaggio.


Gli insegnanti che propongono le classi, pur praticando le stesse tecniche, si distinguono per il loro particolare stile, un modo unico di vivere lo yoga che li rende diversi dagli altri.


La piu’ grande soddisfazione per chi insegna e chi ricerca e’ quella di avere al proprio fianco allievi/e e compagni/e di viaggio in grado di continuare ed approfondire le ricerche proposte.


“ Un gioiello luminoso e’ dentro ognuno di noi, dobbiamo solo cercare di riconoscerlo ; occorre prendere coscienza che, attraverso una giusta pratica che parte dal nostro corpo, riconoscendo il respiro come soffio vitale ed il rilassamento come liberazione dalle tensioni possiamo realmente cambiare la nostra vita “  - Gabriella Cella -


Descrizione immagine

Altre attività

Puja:

Presso la religione induista, Pūjā (dal sanscrito reverenza) è un termine che genericamente indica un atto di adorazione verso una particolare forma della Divinità ( nel nostro caso la Luna), che può esprimersi in un'offerta, un culto, una cerimonia o un rito. Esistono molti tipi di Puja, la celebrazione di una Puja può essere accompagnata dal canto di mantra o inni sacri, la Puja riveste un ruolo molto importante anche a livello esoterico; ogni gesto, movimento o parola pronunciata ha infatti un ben preciso significato simbolico, e corrisponde all'ottenimento di uno specifico beneficio, sia esso spirituale, intellettuale o fisico.

Costellazioni familiari:

Dott.ssa Clelia Perin

Nel mio cammino della conoscenza posso affermare che: il mio salto di consapevolezza è stato il mio incontro con Bert Hellinger, quindi la mia vita prima di Bert e la mia vita dopo Bert. L’integrazione  della psicologia, con l’antroposofia, lo studio della psicobiologia e la  psicogenealogia, lo studio della cabala, integrando le costellazioni familiari. Tutto questo è stato per me una grandiosa sintesi. L’umana imperfezione che diventa opportunità evolutiva, in questo terreno di incontro e possibile diventare consapevoli in che misura stiamo vivendo pienamente la nostra vita, oppure se stiamo vivendo la vita di persone del nostro albero genealogico. In che misura stiamo cercando di compensare le carenze, le ingiustizie, i problemi che le persone che vengono dal nostro passato non hanno risolto nella loro vita.            Sta a noi andare a rivisitare gli intrighi doppi che ci sono nella nostra famiglia, che ancora oggi ci aspettano alla vita, perché se è vero che tutto ciò che riguarda biologia, le così dette malattie, che sono la soluzione biologica di conflitti biografici, che corrono tutti sul binario fondamentale della dimensione del nostro giusto anelito alla libertà di esistere per come siamo, per quello che vogliamo, per realizzarci, e lo stridore di questo anelito con il modello genealogico con cui siamo inseriti. Tutta la nostra sofferenza è dovuta al divieto di essere noi stessi che ci da la famiglia e all’obbligo di essere come ci dice la famiglia.  Ed è così che il bambino interiore condizionato prende il sopravvento sull’adulto sul livello di coscienza che siamo, diventare il centro della propria vita dal giusto posto, come unici responsabili.            

Con la grande benedizione di comprendere che non esiste una colpa perché tutti sono stati bambini. 

 

Bagni di Gong:

Il bagno di gong è un’ esperienza molto intensa, un vero e proprio trattamento collettivo di immersione nella vibrazione del gong e degli strumenti che accompagnano la performance, un viaggio dentro il suono nel quale ogni partecipante fa esperienza di fusione con la vibrazione del gong e nel quale ha la possibilità di entrare in uno stato percettivo in cui lo spazio-tempo si dilata, le percezioni si amplificano, la propria coscienza si espande. Il suono entrando nel corpo va infatti ad agire su diversi livelli: nel corpo fisico   “massaggia” organi e cellule; nel corpo psichico scioglie emozioni e ricordi; sul piano mentale permette al cervello di entrare in onda Theta, l’onda emessa durante gli stati di meditazione profonda.I bagni di gong si effettuano stando comodamente sdraiati su un materassino e per trarne beneficio basta soltanto abbandonarsi al suono, alla vibrazione emessa dal gong e dagli strumenti usati per accompagnarlo.Ciò permette di entrare in una nuova dimensione del sé dove i confini si dilatano, le percezioni si modificano, la consapevolezza si espande.